Guida ai requisiti per startup innovative (con checklist scaricabile)

Scopri la guida che spiega tutti i requisiti per startup innovative, con un’infografica /checklist scaricabile e stampabile.

by Redazione ICO HUB

In questa guida ai requisiti per startup innovative non troverai semplicemente l’elenco dei parametri dettati dal Ministero dello Sviluppo economico.

Abbiamo infatti raccolto l’elenco con esempi pratici, oltre ad aver realizzato una checklist scaricabile per analizzare se la tua azienda ha i requisiti necessari.

Possiamo inoltre aiutarti a capire se la tua azienda può iscriversi nella sezione speciale del Registro delle Imprese all’interno del nostro Startup Studio.

Requisiti per essere startup innovativa: l’elenco

I requisiti per essere iscritti nella sezione speciale del Registro delle Imprese, e quindi per avere le agevolazioni riservate alle startup innovative, si dividono in requisiti oggettivi e soggettivi.

Requisiti oggettivi

I requisiti oggettivi sono:

  • essere un’impresa nuova e non costituita da più di 5 anni;
  • avere la residenza, una sede produttiva o una filiale in Italia;
  • fatturare meno di 5 milioni di euro annui;
  • non distribuire utili;
  • avere come oggetto sociale principale quello di produrre, sviluppare o commercializzare prodotti/servizi ad alto valore tecnologico;
  • non essere nata da fusione, scissione o cessione di ramo d’azienda.
  • non essere quotata in un mercato regolamentato o in una piattaforma multilaterale di negoziazione.

Tutti i requisiti sono abbastanza facilmente verificabili.

Particolare attenzione va attribuita alla scrittura dell’oggetto sociale.

In più di un’occasione ci siamo interfacciati con aziende a cui era stata rigettato la domanda a causa dell’oggetto sociale che non evidenziava abbastanza la tecnologia del servizio.

Requisiti soggettivi

I requisiti soggettivi per costituire una startup innovativa sono, certe volte, più interpretabili.

In particolare la startup è considerata innovativa se rispetta almeno 1 requisito tra:

  • sostenere spese in ricerca e sviluppo pari almeno al 15% del maggior rapporto tra fatturato e costo della produzione;
  • impiegare personale altamente qualificato (⅓ di di dottori di ricerca o ⅔ di personale con laurea magistrale);
  • essere titolare di un brevetto o di un software registrato.

La prima voce è quella che è maggiormente malleabile, e tra le voci che vengono accettate come spese in ricerca e sviluppo possono comparire:

Queste spese devono essere presenti in bilancio o, se è il primo anno di attività, essere autocertificate del legale rappresentante.

Come iscriversi alla sezione speciale del registro delle imprese

Nel caso in cui la tua azienda rispetti tutti i requisiti necessari, i passaggi per l’iscrizione come startup innovativa sono semplicissimi.

Devi inviare una comunicazione telematica (comunicazione unica) alla camera di commercio territorialmente competente.

La camera di commercio controlla che i requisiti per essere startup innovativa siano presenti e si mantengano nel tempo.

Le agevolazioni e i vantaggi saranno attivi dal momento dell’iscrizione nella sezione speciale, fino al termine dei 5 anni dalla data di costituzione.

Scarica la checklist per verificare i requisiti delle startup innovative

Scarica la checklist, compilala e verifica se la tua azienda ha i requisiti per essere iscritta come startup innovativa.

Scarica qui la checklist

Sa hai ancora dei dubbi, puoi entrare nel nostro startup studio e fissare una consulenza specifica per la tua azienda.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram

Tabella dei Contenuti

Iscriviti alla newsletter

Richiedi informazioni

Ico Hub è un progetto di I Consultant

I Consultant s.r.l.
Via dell’Industria, 10 – 50056
Montelupo Fiorentino (Firenze)
P.Iva 07052810483

Email: info@icohub.it
Tel. 0571.1735642

CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI – QUALITÀ DELLE AZIENDE
I Consultant è ente certificato UNI EN-ISO 9001:2015

I Consultant aderisce al
PROGRAMMA ITALIAN COWORKING VISA